POSIZIONE SISTEMATICA

POSIZIONE SISTEMATICA

L'impressionante ricchezza di forme degli organismi viventi, grazie agli sforzi di molte generazioni di scienziati, è stata inclusa in un sistema basato sul principio delle somiglianze strutturali adottato da Carlo Linneo..

Questa classificazione, la cui essenza è classificare specie strettamente imparentate in gruppi superiori superior, chiamate unità sistematiche, non solo mette ordine nell'immagine confusa della diversità del mondo animale, ma consente anche di comprendere il corso della sua differenziazione nel corso della storia e dello sviluppo evolutivo. Tuttavia, man mano che la conoscenza progredisce, vengono introdotte numerose modifiche al sistema già esistente, o vengono presentate nuove proposte per la risoluzione di particolari problemi. Quindi, anche un certo cambiamento nel trattamento di un gruppo di pesci, a cui appartiene il luccio. Gli ex sistemi tassonomici li distinguono in una fila separata di specie simili a lucci (esociformi, sinonimo - Haplomi), dopo (dopo Berg, 1940) appartengono all'ordine delle aringhe (Clupeiformi). Seconda variante, ripreso dalla classificazione di Bertin e Arambourg che è comunemente usata oggi (Grasse, 1958), determina la posizione sistematica della luccio come segue:

genere strunowce — Accordi
sottotipo kręgowce — vertebrati
Sovraccarico szczękowce — Gnatostomi
Gromada ryby — pesce
Podgromada kostnoszkieletowe — osteitti
Niadirząd kościste — Teleostomi
Governo śledziokształtne — Clupeiformi
di fila szczupakowce — ecoide
Famiglia szczupakowate — Esocidae
genere szczupak — Esox Linnaeus, 1758
genere szczupak — Esox lucius Linnaeus, 1758

Confronto tra luccio e aringa, anche se apparentemente sorprendente, ha trovato la sua giustificazione nell'analisi dei dettagli anatomici. Molte caratteristiche considerate primarie - per esempio, la connessione della vescica natatoria al tratto digestivo, scala cicloide, raggi di pinna morbidi e segmentati, struttura di alcuni elementi ossei - indica l'origine comune di entrambi i gruppi. Si crede, che il gruppo del luccio si separò dal tronco principale dell'aringa alla fine dell'era mesozoica, circa cento milioni di anni fa, attraverso forme simili alla fusione odierna (Osmeridae), con cui è più strettamente correlato. L'ulteriore evoluzione procedette in tre direzioni, portando alla creazione di tre famiglie moderne del sottordine Esocoidei.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *