Età e altezza del luccio

La longevità e le dimensioni presumibilmente raggiunte dal luccio erano, come è la loro voracità, oggetto di tante congetture venate di fantasia. La più famosa era la storia, risalente al XVI secolo e poi ripetuta in varie versioni, del gigante "imperiale", la cui lunghezza doveva essere 6 m, e il peso 250 kg. Lì è stato trovato un anello di rame con un'iscrizione proclamante, che fu ammesso personalmente in uno dei laghi del Württemberg da Federico II dell'anno 1230, sopra 267 anni prima di essere nuovamente catturato. La credibilità dell'evento è stata confermata dallo scheletro del mostro custodito nella cattedrale di Mannheim. Solo all'inizio del XX secolo studi più approfonditi hanno dimostrato, che questa particolarità contiene un numero di vertebre maggiore di quello a cui ha diritto un luccio ed è opera di un abile assemblaggio osteologico.

Mantenere proporzioni ragionevoli, comunque il luccio va annoverato tra i nostri pesci d'acqua dolce più grandi. Oggi non è possibile definire il limite di età e taglia, perché la pesca intensiva praticamente esclude la possibilità di sopravvivenza fino alla morte naturale. Kilkunasto kilogramowe okazy nie należą w naszych jeziorach — zwłaszcza wielkich — do rzadkości.

W 1962 Nell'anno è stato catturato un campione di misurazione nel lago Pluszne in Masuria 125 cm e peso 24,6 kg (Korzynek, 1962). Le fonti più vecchie aumentano il peso massimo a 30-35 kg (Walther, 1921), che, con una certa cautela, può essere considerato il limite superiore di probabilità.

L'età del luccio viene letta dalle scaglie o dalle ossa del cappuccio branchiale. Ogni anno, in connessione con i cambiamenti stagionali nello stato fisiologico del corpo, sulle squame si formano due zone con una struttura fine diversificata, sollevamenti concentrici chiamati scler sc. Durante il periodo di crescita intensiva, il pesce giaceva leggermente più distante, mentre con crescita stentata, in inverno e all'inizio della primavera, addensare per formare ciocche più scure. Al di fuori della zona degli scleriti concentrati, sul suo bordo, c'è un anello annuale generalmente distinto (figura — A), che in luccio dai laghi della nostra regione geografica si stabilisce in aprile (Ciepielowski, 1970) o a maggio (Załachowski, 1965). La formazione annuale dell'anello è stata confermata da esperimenti di marcatura (brina, Kipling, 1959; Anwand, 1969).

Disegno. Scaglie di luccio: A - all'età di 2+, B - invecchiato 1+ con anello di frittura (foto. C. si piega).

Tuttavia, può essere difficile leggere correttamente la tua età, perché gli sbalzi delle condizioni ambientali a volte complicano la struttura della scala a causa della formazione di anelli aggiuntivi. Il più comune è il cosiddetto. anello di frittura, visibile in alcune picche ai margini di un campo scuro di scleriti chiusi intorno al centro (figura — B). Può sorgere nell'autunno del primo anno di vita, se solo allora il giovane predatore inizia a mangiare pesce e questo cambio di cibo provoca una notevole accelerazione della crescita. Gli altri anelli supplementari si distinguono solitamente da quelli annuali dopo di che, che non corrono su tutta la scala. In individui di grandi dimensioni, gli incrementi annuali sono notevolmente ridotti, che rende difficile distinguere tra anelli ravvicinati. Frost e Kipling (1959) poi consigliano di usare le ossa del cappuccio branchiale, in cui agli anelli annuali delle squame corrispondono strisce strette di una sostanza più scura. In molti laghi, però, la chiarezza del disegno delle ossa non è sufficiente.

La correlazione tra la crescita del pesce e le squame o le ossa del cappello branchiale consente non solo di determinare l'età, ma anche un calcolo inverso del tasso di crescita negli anni successivi di vita; questo può essere fatto secondo il seguente schema:

ln = (L · rn) / R

dove: ln - lunghezza del pesce in qualsiasi anno, rn - distanza tra il centro e il corrispondente anello annuale, L - lunghezza del pesce al momento della cattura, R - il raggio totale della scala o dell'osso.

Artykuł cofnij

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *