CARATTERISTICHE ESTERNE E COSTRUZIONE DELLA CARROZZERIA

CARATTERISTICHE ESTERNE E COSTRUZIONE DELLA CARROZZERIA

In termini di varietà di forme, i pesci non sono inferiori ad altri gruppi di animali. Ci sono dodici tipi principali (Abele, 1912), ognuna delle quali include una grande varietà di forme peculiari di ogni particolare specie. La nota forma a fuso caratterizza specie che nuotano perfettamente tra le aree spaziali di acque libere. Molto spesso nella zona del fondo, i pesci che sono fortemente appiattiti o - come le anguille - sono allungati, un corpo scivoloso, capace di scavare nel limo. Tra le barriere coralline, e anche in zone costiere invase, dominano le forme con il tronco stretto ai lati, adattato a scivolare tra gli ostacoli.

Luccio (Lince. 5) rappresenta un tipo relativamente meno diffuso. Il nome "a forma di freccia" rispecchia bene le sue caratteristiche. Il busto è allungato e leggermente teso ai lati, terminando con il più grande restringimento del corpo davanti alla pinna caudale.. Testa, appiattito davanti, ricorda la lama di una freccia. Le linee della schiena e del ventre corrono quasi parallele. Solo negli individui, il cui stomaco è pieno di cibo appena inghiottito, e nelle deposizioni mature prima della deposizione delle uova, il ventre è disegnato con un convesso più pronunciato. Pinna dorsale (VI — Raggi X duri, 13—16 morbido), molto indietro sopra la pinna anale (III — VIII, 11—15/16/), rinforza la parte della coda del corpo. Proprio dietro la testa, già sull'addome ripido, all'estremità dei coperchi branchiali, le pinne pettorali sono incastonate (io(II), 12—16), mentre ventrale (I — II, 7—11(12) ) sono ancora più bassi, circa a metà strada tra la zona toracica e quella anale.

La somiglianza con la freccia si manifesta nella luccio non solo nella struttura, ma anche in azione. Lungo, corpo poco flessibile non permette di fare virate improvvise, neanche in verticale, né sul piano orizzontale. Quando è costretto a cambiare direzione, di solito scorre in un ampio arco. Così, rinuncia quasi sempre alla ricerca di una vittima più agile. Una caccia di successo di solito dipende da un tiro dalla tribuna in avanti, su cui attende immobile. La forza necessaria non solo per raggiungere la giusta velocità, ma soprattutto vincere - in una frazione di secondo - l'inerzia del proprio peso, consegnare perfettamente sviluppato (i muscoli del busto, mentre tutta la parte caudale del corpo, con i lobi delle tre pinne dispari spalancate, svolge la funzione di un dispositivo di guida. A proposito di energia, come la coda colpisce l'acqua, si evidenzia un potente tumulto, che può essere guardato, quando un luccio attacca una preda da una posizione appena sotto la superficie.

La partecipazione delle pinne accoppiate - toracica e pelvica - alla regolazione della velocità di nuoto è trascurabile. Tuttavia, svolgono un ruolo molto importante durante i lunghi periodi di attesa della preda. Il luccio appartiene al pesce, il cui baricentro si trova sopra la vescica natatoria - un organo che aiuta a mantenere il corpo statico nell'ambiente acquatico. Per evitare la costante minaccia di voltare le spalle, deve effettuare continui movimenti correttivi con le sue alette accoppiate, permettendoti di mantenere il tuo equilibrio.

Il bordo delle coperture branchiali segna il bordo posteriore della testa. La distanza tra l'inizio della bocca e il punto più arretrato è di circa 3,5-4 volte la lunghezza totale del corpo.. Una linea di schiuma che attraversa l'occhio divide la testa in due sezioni quasi ugualmente lunghe. La parte posteriore, non molto più basso dell'altezza del busto, è composto dalle ossa che ricoprono il cervello e le branchie. La membrana branchiale, tesa in basso su forti raggi ossei, facilita l'aspirazione dell'acqua durante la respirazione. Parte anteriore fortemente appiattita, tagliare l'acqua aiuta a superare la resistenza che crea. A causa di questo appiattimento, la bocca del luccio viene talvolta paragonata a quella del coccodrillo o del becco dell'anatra. Le sue dimensioni sono degne di un predatore. La fessura si estende ben oltre il bordo anteriore dell'occhio, cioè, circa metà ago. Mascella inferiore, fatto di massicce ossa dentali, si muove leggermente in avanti davanti alla mascella superiore. Janec-Susłowska (1957), dando una descrizione dettagliata dell'osteologia del luccio, richiama l'attenzione sulla struttura specifica dell'articolazione mandibolare, che consente un'apertura estremamente ampia delle ganasce. Le fauci spalancate possono ospitare - e talvolta lo fanno davvero - una preda non molto più piccola di un attaccante.

L'interno della bocca, così come la gola, è armato di denti, il cui numero è stimato in oltre 700 pezzi. Sono sparsi sulle ossa che compongono la bocca della bocca (lama e ossa palatine), circondando i bordi della bocca (ossa dentali e premascellari), sulla lingua, in gola, sugli archi branchiali e sugli elementi ossei, da cui questi archi sono collegati. I singoli gruppi di denti differiscono per dimensioni, forma, modo di sedersi e scopo. Il più grande, dritto e appuntito - situato sulla mascella inferiore, soprattutto nella parte posteriore e centrale di entrambi i denti, con cui sono saldamente legati. Il loro compito è catturare e trattenere la vittima, che d'ora in poi ha poche possibilità di fuggire. Minore, denti affilati e piegati obliquamente sul palato (Lince. 6) impedirle di scappare.

Lince. 6. Le ossa della volta della mascella del luccio: 1 - osso premascellare, 2 - osso mascellare, 3 - osso palatino, 4 - vomere (secondo Norman).

Connessione allentata con l'osso, con l'aiuto del tessuto connettivo, fa, che si piegano facilmente sotto pressione verso l'interno della bocca, tuttavia, resistendo alla pressione nella direzione opposta. Di conseguenza, il pesce ingerito può viaggiare solo più in profondità nel tratto digestivo. È aiutato da piccoli denti - incorporati nell'epitelio della gola e all'interno degli archi branchiali, dove sono raggruppati in gruppi all'interno di campi di denti separati.

Artykuł cofnij

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *